Cerca
Close this search box.

La colonizzazione dell’Italia, a che punto siamo?

Qualcuno di voi si domanderà a cosa mi riferisco con il titolo dell’episodio di oggi.

Mi ricollego all’episodio “La colonizzazione dell’Italia” del 17 marzo 2019, ma che avevo scritto nel 2014.

Per chi volesse riascoltarlo:

https://music.amazon.it/podcasts/f6d6bc3f-91a3-4e24-9b84-a7ff98705f1e/episodes/5d8c04c0-7a6a-4db3-b1b6-8c88d1ee47c1/la-finanza-amichevole-la-colonizzazione-dell’italia

https://open.spotify.com/episode/1cc46SQ7EhwKQPBkJAdxnK?si=73f00eef170a4c09

https://www.spreaker.com/user/alexfatichi/lafinanzaamichevole-ep18-colonizzazionei

In quell’episodio ho affrontato il tema relativo a quella che poteva essere considerata una colonizzazione demografica e, successivamente, economica, con la cessione di importanti aziende e di altri asset a società straniere.

Si è invertita la tendenza oppure è continuata? A che punto siamo?

Facciamo un’analisi di quanto accaduto negli ultimi 25 anni e chi è il socio di maggioranza delle seguenti aziende:

  • FIAT, diventata Fiat Chrysler e nel 2021 fusa con il gruppo francese PSA diventando Stellantis.
  • Luxottica, nel 2018 è stata acquisita dalla società francese Essilor per formare il gruppo EssilorLuxottica.
  • Pirelli, nel 2015 è stata acquistata dalla società cinese ChemChina.
  • Cerved Group, ne è proprietaria la società irlandese Castor Bidco.
  • Italcementi, nel 2016 è stata acquisita dalla società HeidelbergCement France SAS, società appartenente al gruppo tedesco HeidelbergCement.
  • Lottomatica, nel 2006 è stata acquisita dalla società americana GTECH Corporation (ora IGT).
  • Telecom Italia, il 23% è detenuto dalla società francese Vivendi.
  • Nuovo Pignone, controllata dalla statunitense Baker Hughes del gruppo General Electric.
  • Sergio Rossi, brand del lusso nel settore calzaturiero, il gruppo finanziario cinese Fosun.
  • Fiorucci, brand della moda negli anni’90, acquistato dai giapponesi Itochu. Successivamente passato a Janie e Stephen Schaffer.
  • Krizia, acquisita da Shenzhen Marisfrolg Fashion Co. Ltd, società cinese leader nel mercato asiatico del prêt-à-porter.
  • Gucci, dal 2004 è di proprietà della holding francese Kering. Gucci ha acquisito anche i marchi Bottega Veneta, Pomellato, Dodo, Brioni e Richard Ginori.
  • Valentino, dal 2012 è nelle mani di Mayhoola Investments, un fondo d’investimento del Qatar.
  • Bulgari, Fendi, Loro Piana, Emilio Pucci, nel settore moda sono di proprietà della francese LVMH.
  • Ferrè, appartiene a Paris Group di Dubai.
  • La Rinascente, appartiene alla compagnia thailandese Central Group of Companies.
  • Versace, fa parte del gruppo Capri Holdings Limited con sede nelle Isole Vergini Britanniche.
  • Galbani, Locatelli, Invernizzi, Cademartori e Vallelata, nel settore food sono della francese Lactalis. Oltre alla Parmalat.
  • Cirio, Bertolli, De Rica sono passati alla Unilever (olandese-britannica) e Deoleo (spagnola).
  • Fiorucci, salumi, sono i messicani della Sigma Alimentos.
  • Pernigotti, cioccolatini, passati dalla turca Toksöz al fondo Lynstone gestito da JP Morgan.
  • Birra Peroni, di proprietà del colosso giapponese Asahi Breweries.
  • Magneti Marelli, passata ai giapponesi di CK Holding, società controllata dal fondo statunitense KKR.
  • Fiat Ferroviaria, passata alla società francese Alstom.
  • AnsaldoBreda, venduta alla giapponese Hitachi.
  • Ducati e Lamborghini, fanno parte di Audi del gruppo tedesco Volkswagen.
  • GS supermercati, diventati Carrefour, società francese leader mondiale della grande distribuzione.
  • Greppo, produttrice del Brunello di Montalcino, ha nel suo capitale la francese Epi.
  • Le saline Margherita di Savoia, le più grandi saline marine d’Europa, sono di proprietà della francese Salins.
  • Edison, ne sono proprietari il gruppo energetico francese Edf.
  • BNL, dal 2006 fa parte del gruppo francese BNP Paribas.
  • Cariparma e Banca Popolare Friuladria, diventate Crédit Agricole.
  • Banca Antonveneta, nel 2007 è stata acquisita dalla banca spagnola Santander.
  • Nuova Tirrenia assicurazioni, acquisita dalla francese Groupama.
  • Piooner, società di gestione del risparmio, passata da Unicredit alla francese Amundi.

Come potete analizzare, tutti i settori sono stati coinvolti e ne ho tralasciato sicuramente qualcuno. Oltre a tante altre operazioni più piccole.

Da questo elenco mancano poi tutte quelle che sono state le acquisizioni di palazzi importanti, terreni e altro.

Dimostra che noi italiani avevamo tutto per poter emergere, essendo estrosi e ingegnosi.

La miopia, la non programmazione e pianificazione, pensare soltanto al presente e non al futuro, l’egoismo, la bassa etica sociale e civica, tutte cose che ci hanno portato al livello attuale.

Per questo siamo colpevoli e lo sono soprattutto i nostri politici, che in questi 50 anni hanno pensato esclusivamente al proprio tornaconto.

Dopo nove anni posso dire che, purtroppo, non mi ero sbagliato. Anzi.

Continuiamo a vivere con il concetto “meglio un uovo oggi che una gallina domani”. A questo punto recuperare il terreno perso risulta decisamente difficile.

Sperando questa volta di sbagliarmi, ci abitueremo ad essere ospiti a casa nostra.

Per chi vuole acquistare i libri, il cui ricavato andrà totalmente a favore dell’associazione Dravet Italia:
https://www.amazon.it/kindle-dbs/entity/author/B08FF1ZFV9

Quando sono arrivati qui i bianchi, avevano con loro soltanto la Bibbia, mentre noi avevamo le nostre terre. Ci hanno insegnato a pregare, con gli occhi chiusi: quando li abbiamo riaperti i bianchi avevano le nostre terre e noi avevamo la Bibbia.
Jomo Kenyatta, famoso politico keniota che divenne il leader della lotta contro il dominio coloniale britannico.

Altri approfondimenti